lunedì 11 febbraio 2013

I nomi di Fukushima



CIMG_8822__t
Una delle zone distrutte dallo tsunami del 2011: il lago d’acqua salata non è stato ancora bonificato. Le case sullo sfondo sono state ricostruite.
Fukushima, l’isola (島 – shima) della fortuna (福 – fuku), una parola ormai così abusata e sfruttata – soprattutto fuori del Giappone –  da aver cancellato i  suoi significati originali. I nomi di Fukushima  celano storie più complesse ed sfaccettate di quanto la  forzata proiezione sul solo aspetto nucleare vorrebbe far intendere.
Fukushima è una prefettura a circa 300 km a Nord-Est di Tokyo; due milioni di abitanti in un’area  grande poco meno del Lazio, ricca di montagne e splendide quanto micidiali coste.
Fukushima è la città capoluogo di questa regione,  con 300,000 abitanti. A seguito del terremoto del 2011 la città rimase senz’acqua a seguito dei danni alle condutture provenienti dalla diga di Surikamigawa.
AIMG_7798_gambaro_tGambarou – Forza Fukushima!






Ben più gravi sono stati gli effetti dello  tsunami sulle coste di Fukushima: Più di 18000 morti, decine di migliaia di sfollati, 50000 edifici distrutti ed il triplo danneggiati da terremoto e tsunami; danni per decine di miliardi di euro. Se in molti luoghi la ricostruzione è completa, nelle zone più colpite non  è rimasto quasi  più nessuno per ricostruire ed i pochi superstiti sono stati ‘rilocati’ altrove.
continua a leggere su Burogu00