giovedì 12 aprile 2012

Recensione di "Fukushima e lo tsunami delle anime"



Questa è una breve recensione dell'e-book "Fukushima e lo tsunami delle anime", inviatomi dalla  redazione di quintadicopertina.


Non è questa, un’analisi scientifica: non può e non vuole esserlo. Si propone di essere, piuttosto, la cronaca di una vicenda sganciata dalla stretta attualità, con le inevitabili luci, ombre e contraddizioni tipiche delle cose umane. (P. Salom) 


Come dichiarato dall'autore, il libro (qui un estratto in pdf) è un interessante racconto dei primi drammatici giorni dopo il terremoto, il devastante tsunami e la serie di incidenti ai reattori della centrale numero uno di Fukushima. Come un salmone che risale le acque, l'autore - giornalista del Corriere della Sera già vincitore nel 2010 del premio Baldoni - racconta il suo viaggio  controcorrente rispetto al flusso di stranieri che lasciavano il Giappone, cercando di dirigersi verso Tokyo ed il Tohoku. Nel suo viaggio verso il nord-est, Paolo Salom  descrivere con precisione e passione l'incertezza e lo sconcerto  della popolazione di fronte alle mezze verità del governo ed alle incoerenti reticenze della Tepco. Anche se l'enfasi è posta sulla reazione dei giapponesi e sulla loro reticenza a commentare l'incidente, l'analisi scientifica ed una cronologia degli eventi è comunque presente nel testo, ricco di citazioni, link alle fonti ed un mini-dizionario dei termini più rilevanti.
Il testo copre le prime frenetiche settimane dalle esplosioni di idrogeno degli edifici dei reattori sino ad affrontare l'emergenza a medio e lungo termine: troviamo trattato il problema dello stoccaggio delle scorie, che - seppur poco radioattive - sono presenti in gran quantità, le reazioni degli attivisti e dei manifestanti contro il governo. Il libro non si ferma all'incidente alla centrale, ma lo pone in relazione alle immani devastazioni causate dalle onde anomale ed alla rapida ricostruzione delle città in cui c'erano rimasti superstiti per cui ricostruire... in conclusione una lettura consigliata. 


Note tecniche. L'ebook è ben realizzato, impaginato corrrettamente per la fruizione elettronica ed il pdf  era chiaramente leggibile sull'e-reader Sony. La casa editrice è specializzata in libri in formato elettronico con interessanti ed originali formule per far conoscere i "suoi" autori. E' disponibile su amazon.it € 3,99 ma  -paradossalmente - si trova a meno su amazon.com: $3.94. Nota positiva: non ha alcun tipo di DRM.


Pulci. Alcune piccole imprecisioni, ma nulla di comparabile rispetto agli svarioni che si trovano sulla stampa nazionale ed internazionale: 

Pag 2 dell'introduzione 555 Bq dovrebbe essere Bq/metro quadro.

Pag 3: E' accertato che i noccioli dei tre reattori abbiano subito la fusione termica, ma il pericolo di "sindrome cinese" (ovvero che il nucleo fuso potesse bucare la protezione di cemento e penetrare nelle falde acquifere sottostanti) seppur presente nei primi giorni è ora definitivamente scongiurato con l'abbassamento della temperatura dei nuclei. 

La crisi a Dai-ichi: i reattori 5 e 6 erano funzionanti al momento del terremoto e sono entrati in sicurezza  con le prime scosse. Per fortuna i generatori di emergenza era protetti maggiormente dei reattori 1-3 e non sono stati danneggiati dallo tsunami.

Il presidente malato: Karoshi (過労死) indica la morte da troppo lavoro, non la  semplice e inventata malattia del latitante presidente della Tepco.